.
Annunci online

 
felixthecatnews 
miao, grr, ron ron ...
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Save the Children
Minnie
Marianna Onlus
Nickluciano
Cinquanteide
  cerca


 

Diario | Felix pensa ... | Ricette | Terza Stella | The Other Cat |
 
Ricette
1visite.

18 dicembre 2011

La ricetta ---

--- come promesso su FB.


Spada a cubetti con emulsione di gambi di carciofi, anice e lime con contorni di carciofi ai pistacchi.

800 grammi di pesce spada freschissimo (trancio intero).
4 carciofi (di quelli con la spina e con un bel pezzo di gambo integro).
4 lime.
Una manciata di semi di amice (provenzale).
Un cucchiaino di anice macinato (provenzale).
10 cucchiai di olio d'oliva dell'Etna.
Una manciata di pistacchi di Bronte.
50 grammi di prezzemolo fresco.
Pepe.
Sale.



Lo spada.

Ho tagliato lo spada a cubetti (circa tre centimetri per lato).
L'ho fatto rosolare in una padella di ferro con due cucchiai d'olio dove avevo precedentemente fatto scottare i semi di anice.
Ho aggiunto una emulsione fatta con il succo dei lime, sei cucchiai d'olio, il cucchiaio di anice macinato, i gambi dei carciofi lessati, un po' di acqua di bollitura dei gambi dei carciofi, il prezzemolo e un po' di pepe nero macinato al momento.
Ho lasciato cuocere per circa dieci minuti in modo da terminare la cottura dello spada e lasciar tirare un po' la salsa.

I carciofi

A parte ho fatto appena scottare in padella con due cucchiai d'olio i carciofi tagliati in modo molto sottile.
Ho aggiunto a fuoco spento la manciata di pistacchi scottati in un padellino a parte.
Anche sul contorno un po' di pepe nero macinato al momento.

Per il sale regolatevi secondo il vostro gusto (io non l'ho usato).

Buon appetito.

iRoby


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Spada Carciofi

permalink | inviato da Felixthecatnews il 18/12/2011 alle 17:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

10 dicembre 2011

In attesa di capire ...

... mi sono messo a cucinare.


Freneticamente.
Professionalmente.

Con tecnica.
Con passione.

Ho cominciato ieri sera con uno splendido petto d'anatra all'arancia (un petto d'anatra, due arance, un limone, un bicchierino di Grand Marnier --- mi raccomando, caramellate la buccia d'arancia tagliata a fiammifero).

Poi una fantastica maionese di avocado (avocado molto maturo, olio, pepe, sale, succo di lime e gocce di tabasco) l'ho usata come condimento dei filetti di tonno appena scottati.

Ottimi anche i filetti di orata agli agrumi (semplicemente rosolati in succo di arancia e di limone).

Da ricordare i totani al pesto di pistacchio (ricordo di Bronte).

Non male il ragù di risulta fatto con gli scarti del tonno e delle cicale di mare.

Ma il capolavoro sono stati gli spaghetti.




Provo a spiegare.

Dodici cicale di mare dalle quali, tagliando testa, coda e i lati, ho estratto la polpa.
Ho fatto rosolare le carcasse con olio ben caldo e ho poi sfumato il tutto con vino bianco.
Ho tagliato la polpa delle cicale a dadini e, dopo averle fatto fare (alla polpa) un salto in olio bello caldo, ho sfumato con il liquido estratto dagli aromi delle carcasse.
Ho aggiunto una giusta ed equilibrata dose di zafferano e poi ho "calato" le linguine ancora al dente per terminare la loro cottura.

Domani tanta, tanta, tanta cyclette ---

iRoby 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Cucina iRoby

permalink | inviato da Felixthecatnews il 10/12/2011 alle 20:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

30 luglio 2011

Ho comprato un gran bel pezzo di salmone ...

... l'ho pulito, sfilettato e ho eliminato la pelle.

Poi mi sono detto: "adesso cosa ne faccio?".

Ho aperto il frigo e la dispensa e mi sono venute un po' di idee.

Due ricette veloci.

La prima.

Ho sminuzzato gli scarti del salmone a pezzettini piccoli, li ho fatti saltare in una noce di burro, ho aggiunto il succo di un lime e mezzo pomodoro ( solo la parte carnosa) tagliato  a dadini molto piccoli.

A parte ho preparato del cous cous al basilico.

Ho incorporato il salmone nel cous cous e ho messo il risultato in stampini da servire a temperatura ambiente come antipasto.



La seconda.


Ho tagliato a tocchetti il filetto di salmone.

Li ho fatti saltare in una noce di burro.

Ho sfumati prima con il succo di un lime e poi con un bicchierino di rum bianco.

Infine ho aggiunto una bella manciata di mirtilli.

Servire caldo (ma non troppo) come secondo.

Grazie salmone.

;-)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. salmone

permalink | inviato da Felixthecatnews il 30/7/2011 alle 20:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

17 luglio 2011

Linguine ...

Mi è venuta così ---

Ho fatto tostare dei pinoli e del pangrattato e li ho messi via ---
Ho fatto saltare dei pomodorini tagliati in quattro in olio (naturalmente extravergine d'oliva) ben caldo ma senza arrivare al punto di frittura ---
Ho aggiunto delle acciughe sottolio (dissalate e mese sottolio da me) ---
Ho aggiunto delle olive taggiasche snocciolalte e sottolio (prodotto comprato) ---
Ho aggiunto dei capperi dissalati ---
Ho aggiunto il succo di mezzo lime ---
Ho scolato le linguine al dente ---
Ho fatto mantecare le linguine nell'intingolo ---
Ho impiattato ---
Ho finito il piatto con i pinoli e il pangrattato ---

Alla fine ho mangiato io tutto ---



Il risultato è stato veramente ottimo ---

;-)




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Cuoco

permalink | inviato da Felixthecatnews il 17/7/2011 alle 21:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

16 gennaio 2010

Tempo di carciofi

Oggi riprendo, dopo tantissimo tempo (e me ne scuso) a scrivere un post sulla sezione "ricette".

La stagione è quella dei carciofi e quindi vi propongo non una ma ben due ricette in cui lo spinoso vegetale fa da comparsa e non da protagonista.

Ma non utilizzerete la parte nobile del carciofo, bensì quella di solito meno utilizzata, il gambo.



Dunque, iniziamo con la crema di gambi di carciofi.

Prendete una decina di gambi di carciofi, pelateli con un coltellino o uno sbucciapatate, tagliateli a rondelle e bolliteli per una decina di minuti nel brodo vegetale.

Scolateli e metteteli in un mixer.

Aggiungete dello zenzero fresco tagliato a cubetti piccolissimi (o meglio ancora grattugiato) e una mangiata di prezzemolo.

Frullateli aggiungendo a filo olio (extra vergine di oliva) e parte del brodo vegetale utilizzato per lessarli.

Aggiustate di sale e pepe.

Il risultato deve essere una crema liscia e morbida.

Se vi sono dei residui solidi passate la crema al setaccio (o usando un colino).

E adesso le due ricette.

Calamari alla crema di carciofi.

Tagliate 4 calamari freschissimi a listerelle della larghezza di un centimetro circa.
Utilizzate , naturalmente, anche i tentacoli e le alette.

Fate scottare i calamari in una padella preriscaldata sul fuoco.

Quando i calamari iniziano a rilasciare la loro acqua aggiungete 4 decilitri di crema di carciofi.

Lasciate sul fuoco per circa 10 minuti (aggiungendo poca acqua calda se il sugetto tende ad asciugarsi troppo).

Aggiustate di sale e pepe e servite condendo con un filo di olio a crudo e con un contorno di ... carciofi ovviamente.

Facile direi, no?

Pescatrice alla crema di carciofi.

Prendete un pescatrice freschissima, pulitela e tagliatela la sua polpa, che è assolutamente priva di spine, a cubetti di circa cinque centimetri di lato.

In una padella portate ad ebollizione mezzo lilitro di crema di carciofi (se vi è venuta troppo densa diluitela con un po' di brodo vegetale).

Aggiungete i cubetti di polpa di pescatrice e fate cuocere a fuoco medio per 10 minuti.

A metà cottura aggiungete il succo di una arancia ed un po della sua scorza grattugiata (lavate prima benissimo la buccia).

Aggiustate di pepe, sale e  olio crudo.

Il risultato sarà una sorta di zuppa chiara (tra il verdognolo ed il rosa) e delicatissima.

Servite con un contorno di riso  basmati  lessato in acqua aromatizzata al curry.

Buon appetito !!!

;-)



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Cucina Passioni

permalink | inviato da Felixthecatnews il 16/1/2010 alle 18:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

8 marzo 2008

Filetto alla Felix

Giuro, questa è la prima e ultima ricetta che chiamo " ... alla Felix".
Si può fare con il tonno, per chi preferisce il pesce.

Per quatto persone.

Prendete quattro filetti di vitello o di manzo tagliati spessi (ma senza esagerare, diciamo sui tre centimetri di spessore).
Passateli nella farina bianca e fateli sigillare bene in padella cuocendoli nel burro per circa due minuti per parte.
Non girateli in continuazione, prima due minuti da un lato, poi due minuti dall'altro lato.
A questo punto salateli (senza esagerare, il sale non fa benissimo e da assuefazione, per cui più si sala, più si salerebbe, ed alla fine si perde il gusto delle cose) e pepateli (pepe macinato al momento, meglio se bianco) con moderazione.
Aggiungete un pizzico di cannella in polvere ed un pezzo di stecca di cannella nel burro.
A questo punto alzate la fiamma e fate fiammeggiare il tutto aggiungendo mezzo bicchiere di rum ambrato alla vaniglia.
Come si fa il rum alla vaniglia; si mette nel mezzo bicchiere mezza stecca di vaniglia in infusione per almeno quattro ore.
La stecca deve essere aperta a metà per il "lungo" ed è bene raschiare il suo interno con un coltellino, avendo cura di aggiungere i semi ed il resto del contenuto (un po' mieloso) al rum.
Se volete fare i perfettini filtrate il rum con un colino prima di gettarlo sui filetti.
NON USATE LA VANIGLINA, è un prodotto chimici che vi rovina il piatto.
Lasciate riposare i filetti un paio di minuti in padella fuori dal fuoco e servite con delle patate lessate come contorno.



Se fate la ricetta con il tonno ricordatevi di usare pesce freschissimo, di tagliare le fette un po' più spesse (quattro centimetri) e di ridurre i tempi di cottura.

Buon appetito e se ci provate fatemi sapere come è andata.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Cucina Passioni

permalink | inviato da Felixthecat il 8/3/2008 alle 14:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio